Parte lo studio su via Mazzini

Dopo la raccolta firme, circa 1800, per la ridiscussione della viabilità in via Mazzini, Mazzi annuncia la partenza di uno studio ad hoc.

Via Mazzini

Arriva una risposta dal sindaco Mazzi dopo la richiesta dei commercianti per la riapertura al traffico di via Mazzini. I commercianti hanno protocollato in Comune circa 1800 firme a sostegno della riapertura della via ma la richiesta, per un errore di intestazione, è arrivata solo all’ufficio tecnico. Questo però non ha impedito al sindaco Mazzi di rispondere ai commercianti.

“Con riferimento alla Vostra richiesta, tendente ad ottenere una revisione della viabilità in corso Mazzini, sono, con la presente, a comunicare che questa Amministrazione ha incaricato gli Uffici Tecnici a compiere uno studio più completo per verificare, tecnicamente ed economicamente, se esistano i presupposti per una eventuale riconsiderazione del problema sottoposto. Mi preme, però, nel contempo, rilevare che, da un esame delle firme raccolte, molti firmatari non sono residenti nel Comune di Bussolengo e, pertanto, gli stessi non sono autorizzati a rivolgersi a questo ente, per questioni di rilevanza collettiva e per tutela di interessi generali. Non appena saremo in possesso delle necessarie relazioni tecniche, promuoveremo un incontro per esporre le eventuali soluzioni in merito”.

La richiesta dei commercianti ora verrà protocollata una seconda volta a tutta la Giunta e al Consiglio comunale in modo da portare la questione all’ordine del giorno di uno dei prossimi Consigli. Per il momento da registrare la risposta di Mazzi che annuncia l’avvio di uno studio da parte dell’ufficio tecnico che tenga in considerazione gli aspetti tecnici ed economici per l’eventuale riapertura al traffico. Come ricordato da un commerciante lo scorso agosto, la pavimentazione della via in parte è già sottoposta al traffico. È la parte finale di via Piorta con le macchine che arrivano in frenata, quindi con un carico maggiore rispetto al normale transito; qui di effetti negativi sulla pavimentazione, a occhio nudo, non se ne vedono. La proposta dei commercianti prende inoltre in considerazione il fatto di riaprire la via con delle fasce orarie per non disturbare la quiete dei cittadini e la regolamentazione dell’accesso con dei paletti automatici a scomparsa nel terreno. In attesa dei risultati dello studio commissionato all’ufficio tecnico, resta da vedere se la questione arriverà anche in uno dei prossimi Consigli comunali.

Lascia un Commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori.

*


Inviando questo messaggio si dichiara di aver letto il regolamento del forum e di accettarne le istruzioni.