A fine giugno sarebbe ora di bilancio

Nel prossimo Consiglio si dovrebbe discutere del bilancio di previsione per il 2012 ma non è all’ordine del giorno. Mazzi apporta delle modifiche al bilancio presentato dall’assessore Cordioli.

Bilancio

Il bilancio di previsione per l’anno 2012 arriva lungo e non verrà discusso nel Consiglio comunale di giovedì 28 giugno. Su questo passaggio però si sono verificate altre frizioni per la stesura del bilancio, presentato alla maggioranza già lo scorso marzo dall’assessore Daniela Cordioli ma rivisto in questi giorni dal sindaco Alviano Mazzi e dagli uffici. Uno dei punti sul quale il sindaco è intervenuto sono stati i tagli sul sociale. “Abbiamo un bilancio consolidato da decenni – sostiene Mazzi – e alcuni tagli sul sociale, come sono stati proposti dall’assessore Cordioli, non li possiamo accettare. Abbiamo sentito gli uffici per vedere dove si poteva tagliare escludendo quei settori che avevano già dei contratti in essere o scadenze da pagare”. L’assessore Cordioli, assente alla discussione sul bilancio in Giunta di martedì 19 giugno, replica che “Il mio bilancio faceva dei grossi tagli più sui funzionamenti delle strutture e ad aspetti che si possono rimandare all’anno prossimo rispetto ai servizi per i cittadini; tutto questo per limitare al massimo l’aumento delle tasse con l’Imu e l’addizionale Irpef. I servizi sono garantiti quasi tutti e i tagli che riguardano il sociale non vanno a toccare servizi indispensabili per gli anziani, le emergenze e l’handicap che continuiamo a sostenere”.

Per questo bilancio, a differenza del precedente, l’assessore Cordioli non si è confrontata con la maggioranza in fase di stesura però l’ha presentato a tutta la maggioranza. “Il bilancio precedente – ricorda Cordioli – era stato redatto in concerto con gli assessori ma è stato un lavoro troppo lungo. Ho scelto di fare una scelta collegiale con tutta la maggioranza perché quest’anno lo trovo un anno particolarmente difficile per il cittadino a causa dell’appesantimento sulle imposte da parte di Monti e della diminuzione dei trasferimenti ai Comuni”. È qui però che il sindaco Mazzi non si è trovato d’accordo e ha voluto apportare delle modifiche al bilancio presentato dall’assessore con l’appoggio degli uffici comunali.

Sul rischio per l’amministrazione di cadere proprio sul bilancio, Mazzi replica con queste parole. “Non è mai successo che essendo stato approvato in Giunta il bilancio entro il 30 giugno e con una convocazione di Consiglio entro fine mese si chiami il commissario. Il mese di luglio sarà decisivo”. Anche l’assessore Cordioli annuncia serenità. “Se sono stati approvati gli schemi in Giunta – dice Cordioli – poi il Comune ha il tempo tecnico per procedere all’iter e portarlo in Consiglio”.

Lascia un Commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori.

*


Inviando questo messaggio si dichiara di aver letto il regolamento del forum e di accettarne le istruzioni.