Annunciate le linee del sindaco, Girelli va nel misto

Presentazione pubblica del bilancio, trasparenza, consulte di quartiere, entrata nel Patto dei Sindaci, valorizzazione delle associazioni presenti. Girelli fonda il gruppo misto.

Boscaini_Consiglio_comunale

“Apprendo con stupore – dichiara Massimo Girelli – che la mia richiesta di lista civica è stata rigettata in quanto questa lista non avrebbe alcun seggio”. In fase di formazione dei gruppi consigliari, questa constatazione preceduta da un chiaro “Non mi dissocio dalla mia coalizione”, ha mosso il consigliere di maggioranza Girelli a fondare il suo gruppo misto all’interno dell’opposizione.

Il sindaco Boscaini ha poi giurato davanti al popolo, novità di questa nuova amministrazione assieme all’esecuzione dell’inno nazionale prima dell’avvio dei lavori. Commentando l’attività del suo predecessore, il commissario Anselmi, il sindaco ha notato che “nel bilancio previsionale sono stati posti in alienazione dei beni per pareggiare il conto economico; è grave come situazione ma sarà nostro compito quello di non vendere questi immobili cercando altre vie, altre risorse pur sapendo che non sarà facile. In armonia con i nostri principi di trasparenza e contrarietà alla demagogia, a settembre sarà convocata un’assemblea pubblica sul bilancio”.

Aspetto che il sindaco Boscaini ha tenuto a precisare e confermare è la messa al centro della persona. “Prevediamo l’adozione dei parametri Isee – dichiara Boscaini – l’apertura di sportelli per la famiglia, l’introduzione della social card per i cittadini meno abbienti, uno spazio idoneo per le associazioni, la creazione di una commissione per la coesione sociale, l’organizzazione di consulte e comitati di quartiere e di settore per coinvolgere i cittadini, una produttiva comunicazione con le associazione di volontariato. Sarà nostra cura favorire progetti per i giovani, incentivare la collaborazione con la scuola e gli scambi culturali all’estero. Inoltre gli anziani vanno considerati come una grande risorsa da mettere al servizio della comunità”.

La relazione del sindaco continua poi toccando temi importanti come cultura, Villa Spinola, l’Orlandi, la Fiera di San Valentino, il commercio, il turismo visitazionale e l’urbanistica. “Verrà istituito – continua Boscaini – il Consiglio comunale dei ragazzi, per coinvolgerli nella vita amministrativa (attività già in atto, con successo, nel Comune di Castelnuovo del Garda, ndr). Saranno promossi eventi con gruppi culturali già esistenti, in programma eventi per l’educazione ambientale, il completamento delle reti wifi gratuite, favoriremo tutte le associazioni sportive in particolare quelle considerate come sport minori, ci sarà una maggior attenzione per la raccolta dei rifiuti, incentivi per l’utilizzo di energie rinnovabili, uno sportello energia per la lettura della bolletta della luce e gas e per avere dei check up energetici. Stiamo valutando la possibilità di inserire Bussolengo nel Patto dei Sindaci, per conseguire una maggiore sostenibilità energetica e ambientale. Sarà potenziato il turismo visitazionale, ci sarà una rivisitazione del mercato ortofrutticolo, dei mercati rionali, una promozione di azioni volta al coordinamento con gli artigiani. Per Villa Spinola, terminati i lavori di ristrutturazione può diventare luogo per eventi teatrali, concerti, festival delle bande musicali. Inoltre vogliamo rivisitare la Fiera di San Valentino, continuare con la ciclovia del Sole, rivitalizzare il centro storico anche attraverso mercatini settimanali tipici. Nostra intenzione è la riqualificazione degli impianti sportivi con l’inserimento di zone pic nic, la realizzazione di percorsi pedonali e spazi ricreativi, l’ampliamento della scuola di San Vito, la manutenzione della scuola e della palestra Citella, un progetto multipiano attraverso un project financing per servire la zona centro. Per quanto riguarda l’ospedale per contrastare l’azione in atto di svuotamento dell’Orlandi, è fissato un incontro con i sindaci della zona per modificare questa decisione e far sì che ci sia un servizio per la valorizzazione degli ospedali pubblici. Inoltre fondamentale è la valorizzazione dei dipendenti pubblici, i quali sono l’immagine dell’efficienza amministrativa, mediante percorsi formativi, perché un dipendente formato è un investimento per il territorio”.

 

 

Un commento

  1. Trovo sottotono il documento con gli indirizzi di governo presentato dalla nuova Amministrazione. L’impressione è che si tratti di un compitino (anche ben fatto per carità) ma che poteva essere presentato da chiunque tra le forze politiche presenti in Consiglio Comunale. Mi pare che sia mancato uno sforzo d’analisi sulla situazione attuale del paese e sui motivi che hanno determinato i problemi che oggi ci sono da affrontare. Di conseguenza non risultano chiari gli obiettivi da raggiungere e non mi riferisco certo alla pura e semplice realizzazione di opere necessarie. La crisi economica che attraversiamo avrebbe potuto essere lo spunto per delineare un percorso diverso da quello seguito finora, qualificando il futuro sviluppo del paese. Bussolengo è cresciuto non per una naturale crescita demografica ma per una serie di scelte urbanistiche che tra edilizia abitativa e ipotesi di zone industriali, che dalla Bassona arriverebbero al Bosco di Sona, hanno indotto una crescita che ha reso per una buona parte il nostro paese un dormitorio privo di coesione culturale e di senso della comunità. Proseguiremo su questa strada? Se la risposta è no, quali sono le linee di intervento per rimediare ai danni? Questo non mi è apparso chiaro nel documento presentato, uno sforzo per immaginare Bussolengo al di là dei confini della legislatura non avrebbe guastato.

Lascia un Commento

I campi con il simbolo * sono obbligatori.

*


Inviando questo messaggio si dichiara di aver letto il regolamento del forum e di accettarne le istruzioni.